É sempre mezzogiorno | Ricetta ossibuchi con piselli e gremolada di Ivano Ricchebono

É sempre mezzogiorno e oggi Ivano Ricchebono ci propone una ricetta classica della tradizione meneghina: gli ossibuchi con piselli e gremolada. Un piatto ricco di sapori e profumi che sicuramente farà la gioia di tutti i milanesi.

Per preparare questa prelibatezza avremo bisogno di 4 ossibuchi, una carota, un gambo di sedano, una cipolla, 100 g di piselli, un bicchiere di vino bianco, 2 litri di brodo di carne, 200 g di farina, 3 pomodori grappolo. Per il timballo: 200 g di riso carnaroli, una bustina di zafferano, un midollo di vitello, 100 g di formaggio grattugiato, 50 g di burro, sale, pepe, prezzemolo, un limone, rosmarino e timo.

Il procedimento per preparare gli ossibuchi inizia con la doratura in padella degli ossibuchi infarinati. Una volta che sono ben rosolati, sfumiamo con il vino bianco e bagniamo con il brodo, continuando la cottura per circa 15 minuti. In un tegame a parte, facciamo soffriggere un trito di sedano, carota e cipolla e lo uniamo agli ossibuchi. Trasferiamo il tutto in una pirofila e aggiungiamo i piselli e i pomodori freschi a pezzettoni. Inforniamo a 180° per circa 1 ora e mezza.

Per il timballo, facciamo soffriggere la cipolla tritata con il midollo, uniamo il riso e facciamo tostare. Bagniamo con il brodo e aggiungiamo lo zafferano. Una volta cotto, mantechiamo con burro e formaggio grattugiato e versiamo il riso in uno stampo da plumcake. Inforniamo a 150° per 30 minuti.

Serviamo il timballo con gli ossibuchi spolverati con una gremolada di prezzemolo, rosmarino, timo e scorza di limone. Copriamo il tutto con la salsa ottenuta dal fondo di cottura.

Questa ricetta di Ivano Ricchebono è un tripudio di sapori che conquisterà tutti i palati. Un piatto che unisce la tradizione meneghina con la creatività e l’estro dello chef ligure. Buon appetito!

Lascia un commento