Addio alla pensione di cittadinanza: ecco cosa succede

Il reddito di Cittadinanza è stato sicuramente uno dei “nodi gordiani” da sciogliere soprattutto per una questione di concetto e di promesse elettorali da parte dell’esecutivo attuale, che dopo svariati proclami ha deciso di dismettere una forma di formula di assistenzialismo economico che ha avuto un impatto considerevole per categorie molto disparate in condizioni di difficoltà ma ha anche palesato diversi problemi soprattutto nella ricerca di lavoro presso i cittadini. Oltre al reddito di Cittadinanza anche la pensione di cittadinanza dal 1° gennaio 2024 risulta essere dismesso ed è divenuto parte dell’assegno di inclusione. Questa è una nuova forma alternativa al reddito di cittadinanza che però presenta delle differenze sostanziali. Dal 1° gennaio 2024 quindi la pensione di cittadinanza cambia e diventa assegno di inclusione. Cosa cambia?

Addio alla pensione di cittadinanza: ecco cosa succede

Addio alla pensione di cittadinanza La pensione di cittadinanza altro non era che la medesima forma del Reddito omonimo ma applicato a categorie di cittadini di persone con disabilità e persone di età pari o superiore ai 60 anni. Dal 2024 questa è stata inglobata come per il Reddito di cittadinanza nell’Assegno di inclusione. Data la struttura comunque simile, chi nel 2023 ha avuto diritto al Reddito/pensione di cittadinanza, quasi certamente potrà fare richiesta anche dell’Assegno di Inclusione requisiti per l’Assegno di Inclusione che è richiedibile in caso di membri nel nucleo familiare con più di 60 anni, se l’ISEE aggiornato non supera la soglia dei 9.360 euro e se il reddito del gruppo familiare non supera i 6000 euro, soglia che aumenta fino a 7.560 euro se sono presenti disabili, o se sono tutti over 67 o se ancora c’è qualcuno che risulta essere in in condizione di svantaggio e inserito in programma di cura e assistenza dei servizi socio sanitari territoriali certificato dalla pubblica amministrazione. Come per il reddito/pensione di cittadinanza, anche in questo caso viene messa a disposizione una speciale carta per i pagamenti dei beni di prima necessità come quelli alimentari primari, ed è permesso il prelievo di denaro fino a 100 euro al mese ed a seconda della condizione effettiva lavorativa e strutturale del nucleo familiare può essere corrispondente da 40 a 500 euro al mese di base, e dai 60 anni di età non è effettivamente richiesta la firma che prevede l’obbligo di accettare un contratto di lavoro, che viene invece richiesta per i richiedenti tra gli 18 ed i 59 anni. L’assegno di inclusione ha una durata di 18 mesi consecutivi, una volta  terminati se i requisiti sono mantenuti, è possibile richiedere la medesima formula.
Vincenzo Galletta

Vincenzo Galletta è un rinomato blogger italiano, celebre per la sua capacità di navigare abilmente tra i mondi complessi della finanza e dell’economia, oltre a offrire preziosi consigli su temi legati al lifestyle, alla salute, alla casa e al giardino. Nato il 2 settembre 1980 a Milano, la sua passione per le dinamiche finanziarie si è sviluppata fin da giovane, portandolo a intraprendere una carriera nel mondo della comunicazione digitale.

Dopo aver conseguito la laurea in Economia e Finanza presso l’Università Bocconi, Vincenzo ha deciso di condividere la sua conoscenza con il pubblico attraverso il blog “FinanzInForma.it”, un luogo dove la finanza e lo stile di vita si fondono in un’unica esperienza educativa e informativa. Il suo obiettivo è sempre stato quello di rendere il mondo della finanza accessibile a tutti, offrendo consigli pratici e strategie intelligenti per gestire il denaro in modo saggio.

La versatilità di Vincenzo Galletta emerge nel modo in cui affronta anche argomenti legati al lifestyle. La sezione dedicata a salute, casa e giardino sul suo blog riflette la sua convinzione che il benessere finanziario sia solo uno degli elementi chiave per condurre una vita appagante e completa.

Grazie alla sua abilità nell’interpretare i dati finanziari complessi in modo comprensibile e alla sua capacità di offrire suggerimenti pratici su temi lifestyle, Vincenzo è diventato una figura autorevole nel panorama dei blogger italiani. La sua presenza carismatica e la chiarezza con cui comunica concetti finanziari complessi hanno attirato un vasto pubblico, dimostrando che l’educazione finanziaria può essere coinvolgente e persino divertente.

Oltre al suo lavoro online, Vincenzo Galletta è spesso invitato come esperto in programmi televisivi e radiofonici, dove continua a diffondere la sua missione di rendere la finanza accessibile a tutti. I suoi articoli e consigli sulla gestione finanziaria responsabile, uniti alle sue riflessioni sul miglioramento dello stile di vita, hanno ispirato numerosi lettori a prendere il controllo delle proprie finanze e a perseguire una vita più equilibrata e appagante.

Lascia un commento