Perchè il 15 gennaio è il giorno più triste dell’anno? Ecco il Blue monday

Nel mondo oramai ipercollegato tra le varie parti, si riesce a trovare una definizione in pratica per ogni giorno, anche se in alcuni casi si decide in maniera spontanea o meno, dietro ragionamenti particolari, a cosa dedicare effettivamente un intero giorno, ed anche non considerando le tipiche ricorrenze con una valenza molto forte, magari a base religiosa, da tempo esistono quelle che non sono tali ma costituiscono i giorni “dedicati”. Da diversi anni il terzo lunedì di un nuovo anno solare che quest’anno coincide con il giorno 15 gennaio viene legato il concetto di Blue Monday, ossia il giorno più triste dell’anno, condizione che oramai è divenuta “ricordabile” in ogni sua affermazione.

Ma perchè la giornata in questione, che in questo caso è praticamente alle porte, viene considerata tale?

E soprattutto perchè vi è una forma di “necessità” di trovare un giorno specifico come il più triste o quantomeno poco interessante di un intero anno?

Perchè il 15 gennaio è il giorno più triste dell’anno? Ecco il Blue monday

Perchè il 15 gennaio è il giorno più triste dell'anno Ecco il Blue monday

Non è un semplice vezzo, o qualcosa che senza una reale apparenza o motivazione pratica, lega un giorno particolare ad uno status, che non è ovviamente valido per tutti ma che ha addirittura delle evidenze scientifiche: la definizione ha già quasi vent’anni in quanto l’idea di Blue Monday come giorno triste in prospettiva è stata portata avanti da un ricercatore che nel 2005 ha portato a termine delle analisi presso l’Università di Cardiff in Galles.

Questo ha evidenziato vari fattori, come l’incidenza di persone che chiedevano aiuto psicologico proprio in questo giorno con maggiore ricorrenza e diffusione anche nei confronti del resto dell’anno. La causa è sia probabilmente legata al contesto temporale (è per molti non solo lunedì, che generalmente è il giorno “meno gradito” ma è anche il primo vero percepito come tale, dopo le feste natalizie) ma è anche qualcosa di profondamente comune presso la generazione Z ossia tutti coloro che hanno tra i 14 ed i 25 anni, che sono proprio loro per quasi metà, a percepire maggiormente questa giornata come negativa o comunque con meno fortuna.

Quindi non è qualcosa di “inventato di sana pianta da zero” ma una vera e propria forma di equazione che tiene una media rilevante, con vari fattori evidenti ed in grado di apparire dimostrabili (seppur contestabili) anche se è oramai divenuta anche qualcosa di imposto e che quindi ha una valenza culturale prima che scientifica e percepita.

Vincenzo Galletta

Vincenzo Galletta è un rinomato blogger italiano, celebre per la sua capacità di navigare abilmente tra i mondi complessi della finanza e dell’economia, oltre a offrire preziosi consigli su temi legati al lifestyle, alla salute, alla casa e al giardino. Nato il 2 settembre 1980 a Milano, la sua passione per le dinamiche finanziarie si è sviluppata fin da giovane, portandolo a intraprendere una carriera nel mondo della comunicazione digitale.

Dopo aver conseguito la laurea in Economia e Finanza presso l’Università Bocconi, Vincenzo ha deciso di condividere la sua conoscenza con il pubblico attraverso il blog “FinanzInForma.it”, un luogo dove la finanza e lo stile di vita si fondono in un’unica esperienza educativa e informativa. Il suo obiettivo è sempre stato quello di rendere il mondo della finanza accessibile a tutti, offrendo consigli pratici e strategie intelligenti per gestire il denaro in modo saggio.

La versatilità di Vincenzo Galletta emerge nel modo in cui affronta anche argomenti legati al lifestyle. La sezione dedicata a salute, casa e giardino sul suo blog riflette la sua convinzione che il benessere finanziario sia solo uno degli elementi chiave per condurre una vita appagante e completa.

Grazie alla sua abilità nell’interpretare i dati finanziari complessi in modo comprensibile e alla sua capacità di offrire suggerimenti pratici su temi lifestyle, Vincenzo è diventato una figura autorevole nel panorama dei blogger italiani. La sua presenza carismatica e la chiarezza con cui comunica concetti finanziari complessi hanno attirato un vasto pubblico, dimostrando che l’educazione finanziaria può essere coinvolgente e persino divertente.

Oltre al suo lavoro online, Vincenzo Galletta è spesso invitato come esperto in programmi televisivi e radiofonici, dove continua a diffondere la sua missione di rendere la finanza accessibile a tutti. I suoi articoli e consigli sulla gestione finanziaria responsabile, uniti alle sue riflessioni sul miglioramento dello stile di vita, hanno ispirato numerosi lettori a prendere il controllo delle proprie finanze e a perseguire una vita più equilibrata e appagante.

Lascia un commento